Dama Internazionale: il reggino Cilione si Laurea Campione d’Italia

Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio:

16 Luglio 2019 13:51

Ai campionati italiani assoluti di Dama internazionale (dama dalle 100 caselle), il reggino Antonino Cilione, presidente dell’ASD “Il Bianco e il Nero”, trionfa nel III gruppo di gioco e si laurea Campione d’Italia portando in riva allo Stretto l’ambito titolo tricolore

Reggio Calabria svetta sul gradino più alto del podio. Ai campionati italiani assoluti di Dama internazionale (dama dalle 100 caselle), il reggino Antonino Cilione, presidente dell’ASD “Il Bianco e il Nero”, trionfa nel III gruppo di gioco e si laurea Campione d’Italia portando in riva allo Stretto l’ambito titolo tricolore. L’esperto damista reggino, durante la 55esima edizione dei campionati svoltisi a S. Paolo d’Argon (BG) dall’11 al 14 luglio u.s., domina in lungo e largo il suo gruppo di gioco, in testa dal primo turno riesce a chiudere trionfante con uno score personale di 11 punti su 14 vincendo tutti gli scontri diretti con i pretendenti al titolo. Per Cilione un meritato e prestigioso riconoscimento personale, giusta e inevitabile conseguenza dell’ottimo lavoro svolto in questi anni alla guida dell’associazione “Il Bianco e il Nero”, diventata un punto di riferimento damistico per la città di Reggio e soprattutto per i giovani appassionati di questo sport della mente che aiuta fra l’altro la concentrazione e stimola il ragionamento in una costante ricerca della strategia più opportuna.

Con le sue continue attività l’associazione “il Bianco e il Nero” ha riacceso la passione cittadina verso questo sport con un nuovo impegno ed una attività rivolta alla crescita dei più giovani ma anche all’organizzazione di numerose gare e iniziative che hanno richiamato a Reggio campioni di fama internazionale del calibro del gran maestro Michele Borghetti già campione del mondo di Dama inglese. “Dedico questo mio successo a tutti i componenti dell’Associazione ed in particolare a mia moglie Paola ed al mio piccolo Jacopo Pio che assecondano questa mia passione per la dama. E’ stata una gioia immensa, doppia perché arrivata dopo undici anni dalla conquista del primo titolo (nella specialità semi lampo) e dell’ultimo campionato disputato. Il successo che condivido con tutta l’associazione, deve essere stimolo per affrontare nuove sfide e se possibile aumentare l’impegno al servizio di questo sport e verso le nuove generazioni che si avvicinano ad un gioco che ti appassiona mossa dopo mossa”.

Valuta questo articolo

No votes yet.