Disconessi e felici, la gioia arriva senza internet (o in Finlandia)

Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio:

La cosa più semplice da fare sarebbe lasciare lo smartphone a casa, come accadeva quando esisteva solo il telefono fisso e in quanto tale attaccato a una parete della casa che si lasciava per andare in ferie. Non è però così semplice staccarsi del tutto dal proprio telefono nonostante gli studi confermino che la felicità è offline.

In molti lo avevano già capito. L’Ayana Resort and Spa di Bali, uno dei più lussuosi in Indonesia già dall’anno scorso invita gli ospiti a disconnettersi. Dalle 9 alle 5 del pomeriggio i clienti non possono portare smartphone o altri dispositivi elettronici (inclusi gli e reader) nella sua River Pool. Non si fotografa, non si posta, non si guardano i social. Anche al Mandarin Oriental di New York la Spa è vietata agli smartphone e si può chiedere una stanza senza connessione.

Una via meno costosa è quella del dumb-phone, i cellulari vecchi stampo, senza connessione internet, che stanno tornando di moda, magari come secondo telefono per i weekend con il numero dato solo a pochi intimi.

Secondo i dati del Global Wellness Summit la reperibilità totale ha raggiunto il picco nel 2018 e il 2019 è l’anno della disintossicazione. L’economista inglese Thierry Malleret la spiega così: «Non siamo tutti già tecnofobici ma il 2018 è stato l’anno del battesimo di chi, a forza di essere sempre reperibile o dipendente da internet, si sente male, più infelice e perfino meno produttivo. Il 2019 sarà quindi l’anno del recupero del proprio stato mentale restando “unplugged”, non collegato».

È il mondo del benessere ad avere lasciato per primo la tecnologia, ma altri lo stanno seguendo. Lo fanno con le app che limitano i tempi on line e le coperture orarie di ricezione di notifiche e messaggi in particolare dai social. Arriva insomma il minimalismo digitale che permette anche di essere meno distratti al lavoro.

Se questo non dovesse bastare c’è l’alternativa nordica. Il paese più felice al mondo è la Finlandia che ha deciso di regalare una vacanza gratis per apprendere proprio l’arte della felicità. Il programma Visit Finland ha creato il concorso online Rent a Finn, affitta un finlandese: «è la tua occasione per ritrovare la calma, imparando dai più felici al mondo». Chi vince viene accompagnato da un mentore spirituale alla scoperta della felicità. Probabilmente a piedi visto che il sito spiega: «Il nostro segreto è nella natura. Gli altri vanno in psicoterapia, i finlandesi invece si mettono un paio di stivali di gomma e vanno nei boschi».

Può essere una soluzione, ma la risposta giusta sarebbe di andarci in compagnia, almeno secondo le due più importanti Università dell’Ivy League, Harvard e Yale. Alla domanda: «Cosa rende una vita davvero felice?», la risposta di due ricerche separate fatte dagli atenei è sempre la stessa: le relazioni umane.

LEGGI ANCHE

La felicità dipende (anche) dal Dna

LEGGI ANCHE

Adesso è scientifico: i soldi non fanno la felicità

LEGGI ANCHE

World Happiness Report: la Finlandia è di nuovo il Paese più felice del mondo

LEGGI ANCHE

Il segreto della felicità? «Saper ridere di se stessi»

LEGGI ANCHE

Faresti a meno del tuo smartphone per un anno in cambio di 100mila dollari?

Registrazione Domini Web Hosting


MICROchip

MICROchip
Registra qui il tuo Dominio:

Leave your comment